LA STORIA LE REGOLE CURIOSITÀ BIOGRAFIE IMMAGINI I CONCORRENTI
VIDEOGIOCO GIOCHI MULTIMEDIA VIDEO STAMPA FORUM CREDITI LINKS
a cura di Francesco Amico

"IL PRANZO" TORNA IN TAVOLA A FUROR DI FAN
Dopo 13 anni riecco il mitico programma voluto da Berlusconi: 12 settimane di repliche
Articolo di
"Libero"

di Martedì 27 giugno 2006

Dieci anni di programmazione continuativa, dal 1982 al 1992, più una piccola "appendice" di tre mesi nel 1993; 2481 puntate (che diventano oltre 2700 considerando anche la versione del preserale e il momentaneo ritorno al mezzogiorno) condotte per i primi otto anni da Corrado, poi da Claudio Lippi e nell'ultima stagione da Davide Mengacci, seguite da 6.947.000.0000 di spettatori totali; un Telegatto vinto e una nomination come miglior quiz. E, ancora, un Fan Club che conta un centinaio di iscritti e un sito web che, dall'ottobre del 2003 ad oggi, ha fatto registrare quasi 154.000 accessi.
Numeri che danno una chiara idea di come "Il pranzo è servito" si sia conquistato un posto d'onore non solo nella storia della tv ma-anche nel cuore degli italiani, che a distanza di tredici anni dall'ultima puntata - andata in onda il 19 giugno 1993 - ancora chiedono che ne venga confezionata una nuova edizione attraverso il sito www.ilpranzoeservito.it, le pagine online di "Tv Sorrisi e canzoni" e la carta stampata (i primi a dare risalto al fenomeno è stato "Libero", un paio di anni fa).
Una mobilitazione che alla fine ha prodotto i primi effetti: da ieri Canale 5 Plus, l'area interattiva del digitale terrestre di Mediaset, ripropone infatti per dodici settimane, dal lunedì al sabato alle 12.00, le puntate dell'estate 1992 condotte da Claudio Lippi. E anche se si tratta di repliche, i tanti, tantissimi appassionati dello storico quiz sono ugualmente contenti.
«È comunque un primo passo», afferma Mirko Simionato, presidente del Fan Club, «la mia speranza è che ora Piersilvio si convinca a fame una nuova edizione, tanto più che Claudio Lippi si è detto disponibile a condurla. Sarebbe un modo di tornare alla tv di un tempo. H nostro motto è "abbasso i reality show e la tv volgare, viva i programmi popolari, semplici e genuini degli anni '80"». Una filosofia a quanto pare condivisa da Canale 5 Plus, nel cui palinsesto estivo fanno ora la loro ricomparsa "Tutti per uno" il giovedì, "Odiens" il venerdì e "La sai l'ultima?" la domenica: vecchie glorie di casa Mediaset che ancora oggi hanno il loro appeal.
Ma il vero "cult" è "Il pranzo è servito". Anche perché a volerlo fu addirittura Silvio Berlusconi che, racconta Simionato, «nel 1982 chiese a Corrado una buona idea per un programma da mandare in onda a mezzogiorno. Lui rimase perplesso, pensava che a quell'ora la gente non avrebbe guardato la televisione e quando venne realizzato il "numero zero" era un po' preoccupato perché non era sicuro che sarebbe andato bene... e invece Berlusconi sfoderò uno dei suoi famosi sorrisi e gli disse "questo gioco mi è piaciuto, me ne faccia 300 puntate!"».
«Piersilvio sembra non apprezzare la tv del padre», continua il presidente del Fan Club, «visto che da quando c'è lui alla presidenza non si produce più niente e si compra tutto. già pronto. Questo invece è un format tutto italiano». L'idea del quiz fu infatti proprio di Corrado, che con il suo team di autori - il fratello Riccardo, Stefano Jurgens e lacopo Rizza - si domandò: cosa fanno i telespettatori a mezzogiorno? Pranzano, fu la risposta, o quantomeno cucinano. Da lì l'intuizione di giocare con le abitudini alimentari degli italiani con una formula che secondo molti potrebbe avere ancora oggi successo, con i dovuti aggiustamenti, nel mezzogiorno di Canale 5. In fondo gli italiani a quell'ora continuano a pranzare o a cucinare. E Antonella Clerici non li prende forse ogni giorno per la gola, sull'avversaria Raiuno, con "La prova del cuoco"?

Torna indietro alla sezione stampa

Google