LA STORIA LE REGOLE CURIOSITÀ BIOGRAFIE IMMAGINI I CONCORRENTI
VIDEOGIOCO GIOCHI MULTIMEDIA VIDEO STAMPA FORUM CREDITI LINKS
a cura di Francesco Amico

Claudio Lippi risponde ai lettori che vogliono una nuova edizione del quiz
SONO PRONTO A RIFARE IL PRANZO
Articolo di
"Sorrisi"

di Martedì 29 giugno 2004

Un'autentica pioggia di messaggi ha alluvionato negli ultimi mesi il sito di "Sorrisi". La schiera di lettori che chiede il ritorno di "Il pranzo è servito" è sempre più ampia. Abbiamo raccolto tutte le richieste e le abbiamo recapitate a Claudio Lippi, che nel '90 raccolse il testimone da Corrado, primo (e indimenticato) presentatore del programma. "Non posso essere io a farmi promotore di un'iniziativa del genere. Ma sarei prontissimo a riprendere il timone del programma, senza pensare al compenso" fa sapere Lippi. "A quanto si dice, esistono due correnti, all'interno dei vertici Mediaset: una favorevole all'idea, un'altra meno. Vedremo".
Nel cuore di Lippi però non c'è spazio solo per il "Pranzo": "Serbo un ottimo ricordo di Mai dire gol e della 'mia' Corrida, senza nulla togliere a Gerry Scotti. Ricordo con affetto pure 'Tacchi a spillo' anche se fu un flop. Era il programma giusto nel momento sbagliato". Nell'elenco non compare invece l'ultima stagione di "Domenica in…": "Pur coltivando profonda stima e amicizia personale nei confronti di Paolo Bonolis, devo ammettere di essere rimasto assai deluso. Il progetto iniziale è cambiato strada facendo. Di certo non ambivo ad essere uno dei protagonisti, ma non mi aspettavo neppure di essere ridotto a poco più che semplice spettatore". Non è polemico il tono di Lippi.
Ciò che gli sta più a cuore, oggi, è l'impegno a favore della N.P.H. (Nuestros Pequenos Hermanos), associazione che promuove le adozioni a distanza dei bambini di Haiti. "Non ho solo prestato il volto per la causa. Ho accolto i bambini, ho tenuto conferenze e presto andrò ad Haiti per un reportage fotografico. Dopo i recenti problemi di salute, ho rivalutato le mie priorità. Aiutare questi bambini dà un senso alla mia vita".

Torna indietro alla sezione stampa

Google