LA STORIA LE REGOLE CURIOSITÀ BIOGRAFIE IMMAGINI I CONCORRENTI
VIDEOGIOCO GIOCHI MULTIMEDIA VIDEO STAMPA FORUM CREDITI LINKS
a cura di Francesco Amico

Al via il tele-menù a quiz presentato da Corrado
IL PRANZO E’ SERVITO
Articolo di
"Sorrisi N° 37"

dell'anno 1982

Corrado sta facendo il suo rientro alla grande sui teleschermi. A Canale 5 diventa, da lunedì 13 settembre, lo "chef" di un gioco a premi ambientato in cucina. Al suo fianco una bella assistente, Linda Lorenzi, seguace di Binarelli nell’arte della prestidigitazione, anche se a "Il pranzo è servito" non avrà modo e tempo di mettere in mostra arti magiche.
In ognuna delle 300 puntate del quiz (durata 30’, in onda dal lunedì al venerdì) che si avvale della regia di Lino Procacci e della scenografia di Graziella Evangelista, si presenteranno due concorrenti i quali saranno sottoposti ad una serie di domande. Saranno quiz piuttosto semplici, alla portata di tutti. Le domande saranno integrate, quando sarà necessario, da prove di abilità manuale. Un esempio: dire ad occhio il peso di una bistecca solamente tenendola in mano. Chi supererà lo scoglio delle domande e delle prove, avrà il diritto a far girare una grossa ruota che, quando si fermerà, indicherà qualche portata ha vinto il concorrente. Ma attenzione: ci sono anche il "jolly" che fa guadagnare premi, e la "dieta" che li fa perdere.
È logico a questo punto che protagonista sarà anche la fortuna. Compito di chi gareggia è di aggiudicarsi il menù completo, cioè tutte le portate (non valgono le portate doppie). Ogni portata ha il corrispettivo in gettoni, che alla fine vengono consegnati al vincitore. Si può verificare il caso di parità e allora a questo punto entrano in gioco le calorie: chi ha accumulato più calorie con le sue portate perde. Se anche le calorie dicono "parità", allora si passa alla bilancia, giudice ultimo di "Il pranzo è servito": il più magro sarà il campione. Come in tutti i quiz che si rispettino chi vince ha il diritto di tornare la volta successiva. In studio il pubblico, circa 100 persone.

Torna indietro alla sezione stampa

Google